Archivi categoria: Blog

Blog Post

E’ ORA CHE LE COSCIENZE SI RISVEGLINO

“CHI SI DISINTERESSA DELLA COSA PUBBLICA E’ DESTINATO AD ESSERE GOVERNATO DA MALVAGI”

PLATONE.

Martedi’ 19 abbiamo portato in consiglio comunale un’interpellanza e due mozioni. L’interpellanza riguardava la mancata assegnazione di una via intitolata a Don Madonini, Prete storico della resistenza sestese, come stabilito dal consiglio comunale a marzo del 2015 da una maggioranza trasversale . Purtroppo a distanza di due anni e mezzo ci aspettavamo una risposta affermativa invece da parte del sindaco è arrivata l’ennesima promessa al quale non crediamo più. Spiace vedere disattese in questo modo scelte che uniscono gli schieramenti è evidente la volontà del sindaco di mantenere e fomentare un clima di divisione all’interno del paese.

La discussione successiva riguardava la mozione sulla “legge Fiano” che aveva come richiesta di sollecitare il Presidente del Senato Pietro Grasso ad accelerare l’iter di approvazione della legge che, vogliamo ricordarlo, prevede un allargamento della pena del reato di apologia del fascismo. Noi abbiamo puntato sul coinvolgimento di tutte le forze politiche visti i recenti e numerosi casi di attacco alle istituzioni da parte di gruppi di estrema destra dichiaratamente ispirati ad ideologie nazi-fasciste, e sul fare chiarezza su una certa promiscuità tra queste frange e partiti politici, in particolare la Lega Nord. Purtroppo il sindaco ha confermato i nostri dubbi votando contro.

La seconda mozione presentata riguardava i numerosi casi di violazione dello statuto comunale e di censura di articoli sul periodico comunale di fatto trasformato in un organo della giunta. E’ chiaro che chi amministra deve avere una visibilità prioritaria, ma non è questo che noi mettiamo in discussione. Certo non ci fa piacere vedere più della metà delle pagine utilizzate dalla maggioranza a discapito delle notizie riguardanti manifestazioni ed avvenimenti del territorio, oppure leggere l’articolo del sindaco che ci dice cosa votare al referendum regionale. Ma il problema vero sta nella censura ripetuta da parte del sindaco e della giunta con indicazioni precise di non pubblicare articoli che parlano di immigrazione e antifascismo, iniziative del comitato per la pace e la convivenza, e dell’ANPI. Su questo punto è apparsa chiara ed evidente la posizione anti-democratica della maggioranza e alla precisa domanda di dichiararsi anti-fascista il sindaco piuttosto che rispondere ha preferito abbandonare l’aula seguito dagli altri esponenti della maggioranza inveendo contro la repubblica italiana.

Noi della minoranza conoscendo il regolamento e il comportamento del Sindaco non nuovo a queste fughe abbiamo aspettato tranquillamente che ritornasse in aula riprendendo suo malgrado il Consiglio dal punto in cui lo aveva interrotto. Abbiamo risposto all’assessore Boca il quale ci aveva invitato molto scortesemente a fare un nostro giornale dimenticando la funzione pubblica del periodico comunale, poi abbiamo ribadito con numerose-mail di prova le precise indicazioni di censura stabilite dal sindaco e dalla giunta. Tutto quanto da noi dichiarato è agli atti e ogni cittadino è libero di consultarli. Il sindaco si è assunto la responsabilità del suo atteggiamento negando la possibilità di qualsiasi forma di confronto e pluralità, questo già lo sapevamo ma a noi non basta. Abbiamo bene in mente cosa sta succedendo nella società in genere dal mondo del lavoro alla salute alla politica, dove conquiste sociali importanti sono messe a repentaglio dalla crisi che stiamo attraversando e da dubbi personaggi come quelli che amministrano il nostro Paese.

Noi crediamo che dal confronto, dalla pluralità delle idee, dal rispetto della libertà di pensiero, dalla chiarezza delle leggi, si possa come società ritrovare un futuro limpido contrapposto ad un oggi piuttosto nebuloso, soprattutto quando di fronte ci ritroviamo chi invece pensa a ripercorrere strade sanguinarie e perdenti, già vissute in passato, cancellando le basi della nostra democrazia con la volontà di riportarci alla condizione di sudditi o schiavi come nel medio-evo. E’ ORA CHE LE COSCIENZE SI RISVEGLINO.

 

Ugo Mazzoccato

 

Due mozioni antifasciste in Consiglio Comunale

Da qualche tempo assistiamo a un susseguirsi di episodi spesso illegali di evidente e dichiarata matrice fascista. Si passa dai legami mafiosi di Casa Pound a Civitavecchia agli attacchi di Forza Nuova alla libertà di stampa, dall’irruzione di un gruppo di teste rasate a Como nelle stanze di un’associazione di volontariato alle svariate profanazioni dei luoghi della memoria come l’ossario del Monte San Martino eseguite dalla setta dei dodici raggi il cui presidente Alessandro Limido qualche giorno fa ha avuto notevole spazio sulle pagine di un noto quotidiano della provincia di Varese. Abbiamo letto le sue imbarazzanti dichiarazioni e la sua adesione al nazi-fascismo. Quando momenti di crisi importanti come quelli che stiamo vivendo e il paese risulta più fragile e vulnerabile, ciò di cui abbiamo più bisogno è la verità e senza le oggettive smentite le affermazioni di Limido assumono la valenza della menzogna che si vuole fare diventare verità mettendo a repentaglio le basi della nostra democrazia a partire dal pluralismo delle idee e la libertà di pensiero. Così permettiamo a personaggi come Limido di servirsi alla mensa della democrazia e poi sputarci sopra. Troppo facile la favoletta del fascismo come rimedio a tutti i mali, la volgare manipolazione di un regime che ha fallito in tutto, sul piano politico, culturale, economico e militare , dopo vent’anni di regime restavano solo macerie e lutti. Mentre il regime fascista dichiarava la guerra a 130 stati, dava il suo contributo allo sterminio sistematico di ebrei ed oppositori, mandava a morire il meglio della propria gioventù a migliaia di km lontani da casa senza cibo e armi neanche per difendersi, un’altra Italia nasceva nutrendosi di uno spirito pluralista con il comune denominatore dell’antifascismo. Quella gente fatta di uomini e donne nuove ci ha dato il benessere nel quale siamo nati e cresciuti. Oggi qualcuno ci vuole riportare indietro nel tempo, proprio a quel periodo di violenze e censure, a un cupo medio-evo, per questo motivo Martedi 19 dicembre porteremo in Consiglio Comunale due mozioni, una per chiedere di sollecitare il senato alla rapida approvazione della legge Fiano sul reato di apologia del fascismo, un modo per far chiarezza e cominciare ad arginare la deriva neofascista. Abbiamo scelto il consiglio comunale perché serve una risposta chiara e netta da parte di tutte le forze politiche su questo punto, alle volte abbiamo il dubbio che invece qualche partito strizzi l’occhio a questi movimenti di fanatici estremisti cercando di rincorrerli sul piano della protesta invece che emarginarli ed operare per il bene comune . La seconda mozione riguarda il pluralismo e il rispetto delle idee e delle minoranze. Quello che succede a sesto non è diverso dal sentimento che una parte della società prova ovvero il timore che il restringimento dei nostri diritti, delle nostre libertà cominci a farsi concreto. La Democrazia non ci insegna solo ad essere liberi e a chiedere i nostri diritti, è fatta anche di doveri, in particolare chiede ai cittadini di partecipare, senso civico e responsabilità sono fondamentali per il mantenimento e il cambiamento in positivo di tutte le nostre istituzioni.

Ugo Mazzoccato capogruppo di Insieme per sesto.

Nuova presidentessa all’asilo nido “Il Piccolo Principe”

Ieri sera, Tiziana Brusa è stata eletta nuova presidentessa della consulta dell’asilo nido “Il PIccolo Principe”. Noi siamo contenti perchè lei era la persona che avevamo scelto come nostra rappresentante all’interno della consulta, ma siamo soprattutto contenti perchè è una persona capace e volenterosa.
Sull’asilo nido abbiamo fatto un’importante battaglia per difendere questa che è stata in passato una conquista dei sestesi. É un’eccellenza che funziona bene e con un’importante funzione nella nostra comunità, con un corpo insegnanti valido e con dei genitori presenti e attenti alla collaborazione.
Dopo anni di attenzione e investimenti vogliamo che questa struttura continui a funzionare in maniera così speciale, per questo abbiamo indicato Tiziana che da sempre dedica la sua vita ai bambini. Noi come gruppo politico vogliamo che ci siano prima di tutto persone capaci e volenterose ad occuparsi di spazi socio-educativi, dal nido alle scuole elementari e scuole medie.
Per noi l’asilo nido non rappresenta un costo da tagliare privatizzandolo o affidandoci a personale esterno. Per noi i bambini rappresentano il futuro e si meritano un investimento e i genitori si meritano rispetto così come  tutto il personale che a loro si dedica, un team che non può essere sacrificato alle logiche dei numeri e del far cassa da spendere poi in opere meno importanti.
In questi anni abbiamo lottato per difendere e migliorare la scuola, il centro sportivo e le altre strutture e servizi comunali così come abbiamo posto l’attenzione su temi importanti come depuratore e fognature perchè crediamo che in primo luogo bisogna pensare alle basi della nostra comunità, senza strafare ma cercando si supportore ed essere al fianco di tutte quelle persone che dedicano il loro tempo al servizio del paese. Questo è il nostro significato di buona politica.
Buon lavoro Tiziana e buon lavoro a tutti coloro che ogni giorno si impegnano per la nostra comunità!
Ugo Mazzoccato

Profughi e prosciugati

Dopo 7 anni di amministrazione, Colombo e la sua giunta non sono in grado di portare a questo paese niente altro che non sia polemizzare con gli immigrati.

Badate bene dico polemizzare, perché quando si tratta di interessi economici l’atteggiamento cambia, e lo vediamo proprio nel paese che sta cambiando pelle e cedendo pezzi della propria economia a investitori esteri. In questo caso nessuno protesta, certo prendersela con il profugo che è l’ultima ruota del carro è più facile. A Sesto Calende, se c’è un problema profughi è quello di volerne parlare, di spingerlo in prima pagina per non parlare di altri problemi per me più assillanti.

In 7 anni di amministrazione di Lega e Forza Italia, ho visto buttare soldi per avere una viabilità al collasso, ho visto aumentare notevolmente il problema parcheggi , ho visto i genitori portare la carta igienica a scuola e le associazioni di volontariato elemosinare aiuti dopo i tagli al bilancio sociale. Vedo soprattutto oggi parecchie zone del mio paese soffrire di una penuria di acqua. Dopo 7 anni di amministrazione senza fare nessun intervento abbiamo consegnato alla provincia una rete idrica disastrata dalla fogna al depuratore. Però ho visto anche aumentare le tasse comunali di più di 3 milioni di euro…

Ecco questo è per me il problema profughi a sesto calende, parlare di un problema serio in modo strumentale per non parlare di altri problemi veri, dimenticati in questi anni. I problemi però non si dimenticano di noi e ci presenteranno il conto, che sindaco ed assessori non faranno fatica a pagare dopo che si sono aumentati lo stipendio del 50%.

E poi mi parlano di immigrazione, e poi mi parlano di roma ladrona, per me il problema sono questi amministratori.

Ugo Mazzoccato

A PROPOSITO DI PARCHEGGI

Una settimana fa ho scritto una letterina al Sig. Sindaco Dott. Ing. Marco Colombo, non mi ha ancora risposto e penso che mai lo farà. Ha preso la triste abitudine di andarsene dal consiglio comunale quando parlo e quindi non mi aspetto una risposta.

Immagino che avendo appena incassato 4 milioni di euro da Esselunga non tirerà le orecchie alla direzione del supermercato.

Se invece l’amministrazione non mi ha risposto ma si è attivata sarei felice di prenderne atto.

Michele Pizzini

Questo il testo della mia richiesta:

SESTO CALENDE, 12-07-2016

ALL’ATTENZIONE DI:

SIG. SINDACO MARCO COLOMBO

ARCH. GIOVANNI BUZZI

E p.c. SIG. SEGRETARIO COMUNALE DOTT. MAURO MICHELONE

Egregio sig. Sindaco, egregio Assessore,

Con la presente si comunica che a distanza di mesi dalla apertura del supermercato Esselunga, i già contestati e fuorvianti cartelli relativi all’uso dei parcheggi non sono stati rimossi.

In particolare si fa presente che, sebbene la convenzione tra Esselunga e Comune chiarisca che i parcheggi al piano -2 ed al piano terra siano di uso regolamentato, a pagamento ed aperti liberamente anche ai non clienti del supermercato, i cartelli esplicitano l’uso esclusivo per i clienti del negozio (anche al piano -2)

Con la presente si richiede di intervenire quanto prima per far apporre adeguata cartellonistica.

Si richiede inoltre di valutare l’opportunità di apporre agli ingressi dei parcheggi adeguata segnalazione in analogia ai parcheggi comunali numerati con l’indicazione “a pagamento”.

Si richiede inoltre di addivenire al più presto, come richiesto in particolare dai commercianti, ad un accordo con la proprietà che preveda la collocazione di parcometri nei pressi degli stalli affinché gli utenti del parcheggio non debbano utilizzare la cassa del supermercato al fine di incrementarne l’uso sebbene le tariffe non siano certamente incentivanti.

 

Michele Pizzini

Insieme per sesto